Il CEO di Nethesis, Cristian Manoni, risponde alle domande di VoipVoice

Cristian Manoni, CEO di Nethesis, risponde all’intervista di Ylenia Cecchetti di VoipVoice, noto provider VoIP business oriented.

manoni-300x200

Quale è stato il percorso che ti ha portato in Nethesis? Da dove sei partito?

Mi sono laureato in ingegneria informatica a Bologna nel ‘97, con l’idea di partire subito assieme ad alcuni amici nel tentativo di trasformare la nostra passione per l’informatica in un mestiere. L’idea ha seguito percorsi diversi da come me li ero immaginati, ma assolutamente utili e importanti per la mia crescita. Dopo alcuni anni passati in TeamSystem, improvvisamente e inaspettatamente l’idea originale ha preso corpo con 2 nuovi amici e una sfida esaltante: semplificare e standardizzare progetti Open Source complessi, per creare prodotti alla portata di tutti, in un modello di business orientato al canale. Così nel 2003 con Filippo e Luca abbiamo creato Nethesis.

Quali erano le tue aspirazioni? Se non in questo settore, in che ruolo ti saresti immaginato?

Mi sarebbe piaciuto insegnare. L’insegnamento è un lavoro difficile ma bellissimo. Hai di fronte persone con cui metterti costantemente in gioco. L’insegnamento non è mai unidirezionale, non è passare una serie di nozioni, per quello basta leggere un libro. E’ un percorso, che porta sia il professore che l’alunno dove non immaginavano prima. Anche nel mio lavoro, incontrando tante persone a cui raccontiamo quello che facciamo, facendo presentazioni in università e scuole, corsi tecnici e commerciali… questo aspetto è assolutamente presente e la cosa mi diverte molto.

Tre qualità indispensabili nel tuo lavoro

Predisposizione a collaborare, apertura mentale, intraprendenza. Tutto ovviamente con tanta tanta passione per quello che si fa.

Se non sbaglio Nethesis è proprietaria della Community Open Source Netserver. Com’è nata l’idea di aprire una Community?

Nella domanda c’è un grave errore! Una Community per definizione non ha proprietari. Nethesis l’ha pensata e avviata, oggi è probabilmente il principale sviluppatore e sponsor, ma tutto è aperto e disponibile a chiunque. La Community è di chi la usa e contribuisce a farla crescere. L’Open Source stravolge le leggi della fisica. Ad esempio, III legge della dinamica “Ad ogni azione corrisponde una reazione pari e contraria”, con l’Open Source non è vero!  Condivisione idee, confronto, contributi, sviluppo, documentazione, test, visibilità, diffusione mondiale… quello che otteniamo dalla Community è enormemente di più rispetto a quello che diamo! Tornando alla domanda, i primi anni Nethesis ha usato, integrato e contribuito a distribuzioni linux e progetti Open Source esistenti, fino ad accorgersi nel 2010 che i tempi erano maturi per avviare una distribuzione unica come base open di tutti i nostri prodotti. Da qui NethServer. Come molte delle cose che facciamo la decisione è stata presa a tavola, durante un Camp aziendale sull’Appennino marchigiano.

Qual è il vantaggio che l’Open Source può offrire al mercato enterprise?

In parte ho risposto nella domanda precedente, non siamo noi a dirlo, ma tantissime ricerche internazionali (la più famosa North Bridge e Black Duck http://www.slideshare.net/blackducksoftware) che riporta i 3 motivi per cui si usa l’Open Source: 1 qualità, 2 completezza funzionale, 3 apertura e flessibilità. Ancora più interessanti sono i 3 vantaggi principali, nell’ordine: Assenza di vincoli del vendor, qualità, facilità di customizzazioni e fix. Abbiamo detto tutto. Dire che è free è probabilmente la cosa più sbagliata e soprattutto meno interessante.

Una caratteristica che risalta nella realtà di Nethesis è il suo modello di business, con un focus prevalentemente orientato, dalla parte commerciale a quella operativa, al “servizio”. Naturalmente oggi è stata una carta vincente, ma da dove nasce questa scelta?

Questo è il modello di business tipico dell’Open Source. Il valore non è l’oggetto ma l’uso che il cliente ne fa, il problema che risolve o il modo in cui migliora il modo di lavorare. Faccio mio un esempio di RedHat che paragona l’Open Source all’acqua. Ovviamente questa è gratis ed è un bene comune. Nonostante ciò la signora Maria continua ad acquistare una bottiglia d’acqua che venga consegnata a casa, che riporti sull’etichetta la provenienza e la composizione chimica, che sia addizionata con anidride carbonica, certificata come potabile….

Perché un System Integrator o Installatore deve cambiare il suo modello di business dove compra e rivende l’HW per sposare, come nel vostro caso, quello dei servizi?

La logica con cui ci muoviamo nel canale è win-win. Vinciamo se il partner vince. Mi spiego meglio: il nostro obiettivo non è vendere qualcosa al partner, Nethesis è un abilitatore di mercato, che fornisce strumenti affinchè il partner possa vendere servizi ai propri clienti. Se lui vince noi vinciamo. Spesso incontriamo partner che hanno smesso di fare gli imprenditori e si sono trasformati in responsabili acquisti, il cui unico obiettivo è quello di ottenere un punto percentuale in più di sconto nell’acquisto… Noi vogliamo lavorare con imprenditori, ai quali dare strumenti per ampliare il proprio mercato e soprattutto ricevere feedback per crescere insieme. Questa è la nostra idea di partnership bidirezionale.

Modena: Convention Ricomincio Da Dieci. Cosa ti sei portato dietro da quella giornata?

Una bella emozione, contagiosa. Bello vedere che ci sono tanti compagni di viaggio e sognatori come noi, che credono in quello che fanno e lo fanno con una sana passione.

Domanda di rito: cos’è per te il VoIP?

Il VoIP è uno degli esempi più belli ed efficaci di tecnologia disruptive. Si continua a “telefonare”, ma la comunicazione diventa unificata e, come ci piace raccontare ultimamente, smart.
Il VoIP in quanto tecnologia non ha valore in sé, ma è stato l’enabler di tanti servizi impensabili prima. Il VoIP ha liberato la fantasia di chi aveva qualcosa da dire. E siamo solo all’inizio….

Leggi l’articolo completo sul sito di VoipVoice.

NethServer, la distribuzione Linux server semplice da utilizzare

Alessio Fattorini, community manager di NethServer, racconta l’Open Source e NethServer presso ARTILaB di Bergamo il giorno Martedì 28 Giugno all’evento organizzato dal Movimento Giovani Imprenditori di Confartigianato Imprese Bergamo in collaborazione conBgLUG, Associazione culturale non a scopo di lucro le cui finalità principali sono la diffusione del software libero.

L’open source per creare distribuzioni Linux personalizzate: il caso NethServer

“L’open source per creare distribuzioni Linux personalizzate: il caso NethServer” è stato il tema dell’incontro avvenuto alla Facoltà di Ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche.

Cos’è NethServer?
NethServer è un sistema operativo facile da usare che offre servizi modulari su un solo server ed è basato su CentOS.
Oltre ai punti di forza tipici dell’Open Source, quali qualità professionale, affidabilità, sicurezza, indipendenza, modello di sviluppo, multilingua, nessun costo di licenza, il “coltellino svizzero” open source, NethServer, offre numerosi altri vantaggi: interfaccia web per l’amministrazione, installazione semplificata, tanti moduli già pronti installabili con un clic (Firewall, Groupware, directory condivise…e tanto altro).
Qualche numero: 55k download nel mondo ed attivo, in questo momento, in 72 paesi nel mondo.

Ma NethServer non è solo una distribuzione “all-in-one”: è anche un’idea, una vision.
Perchè? Il pensiero Open Source non si limita solamente al software, ma è un modo alternativo di pensare e di creare: la condivisione è crescita.
Open source è sinonimo di cooperazione, innovazione e condivisione. Se sei interessato ad avere più informazioni sulla filosofia open source leggi anche “Lezione di Open Source”
La Community NethServer è il luogo dove si discute di NethServer, dove coloro che sono interessati alla distribuzione si riuniscono e spendono il loro tempo per decidere come migliorarlo e sostenerlo. “Il nostro obiettivo è quello di avere un prodotto molto diffuso, innovativo, robusto e ben collaudato”, commenta Alessio Fattorini, community manager di NethServer, e per raggiungerlo è estremamente importante ascoltare la community che ci fornisce continuamente feedback. La vera forza è quella di poter sperimentare.

NethServer, la distribuzione Linux server semplice da utilizzare

Martedì 28 Giugno Nethesis sarà in ARTILaB all’evento organizzato dal Movimento Giovani Imprenditori di Confartigianato Imprese Bergamo in collaborazione con BgLUG, Associazione culturale non a scopo di lucro le cui finalità principali sono la diffusione del software libero.

Durante l’evento, aperto a tutti, da professionisti del’IT al mondo educational e privato, verrà presentato Nethserver, innovativa distribuzione Linux per server aziendali. “Tutta l’efficienza e la stabilità di Linux server gestita con una semplice ma efficace interfaccia web per offrire tutti i principali servizi necessari alle aziende: domain controller, file server, content filter, proxy, mail server e molto altro”

Per poter partecipare alla presentazione gratuita, occorre iscriversi all’evento: Registrati!

Come realizzare una distribuzione Linux per innovare e trovare lavoro

Ad oggi, Linux è un sistema molto diffuso e utilizzato; numerose sono le distribuzioni, che spaziano tra i più svariati ambiti applicativi: da distribuzioni ad uso desktop (es. Ubuntu) a distribuzioni server-oriented (es. CentOS). Sebbene abbiano lo stesso cuore, Linux, differiscono sotto diversi aspetti e diversi metodi di realizzazione. Sul fronte desktop, nonostante siano numerose le distribuzioni non è il punto di riferimento per end-user, mentre lato server è il leader indiscusso da una decina d’anni a questa parte, piazzandosi benissimo sia a livello medio-basso (per PMI) sia nella fascia high-end.

“Se ci si ascolta si diventa più intelligenti”

Nethesis terrà in data giovedì 30 giugno alla Facoltà di Ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche il seminario Come realizzare una distribuzione Linux per innovare e trovare lavoro.

template_locandina
La sfida di questo seminario è far luce sulla definizione, sulla realizzazione e sul mantenimento e sviluppo di una distribuzione Linux orientata all’innovazione, apprendendo i concetti basilari che forniscono know how facilmente spendibile nel mondo del lavoro.
Con la filosofia Open Source, il mondo Linux è cresciuto velocemente, regalando nuove funzionalità, nuovi prodotti e nuove conoscenze. Il seminario affronterà il concetto di Open Source, mostrando quanto sia utile e produttivo creare software che sia condivisibile, riusabile e soprattutto funzionale.
Il pensiero Open Source non si limita solamente al mondo del software, ma è un modo alternativo di pensare e di creare, la condivisione è crescita.
Iscriviti al seminario “Come realizzare una distribuzione Linux per innovare e trovare lavoro”!

Sicurezza delle reti e filtro contenuti

Che cos’è un filtro contenuti?
Un filtro web è un “software di controllo dei contenuti” che consente di limitare gli accessi a determinati siti web.
Impedire la navigazione in siti con contenuti non appropriati, ma anche bloccare l’accesso ai siti che potrebbero ospitare malware o divulgare dati sensibili può essere utile sia per i genitori, ma anche per le imprese.
sicurezza su intenet
Perché un’azienda dovrebbe utilizzare un filtro contenuti?
Riduzione di produttività, responsabilità legale e spreco di banda sono le tre principali problematiche in cui incorrono le aziende che non sono dotate di un filtro contenuti.
Secondo una ricerca IDC, infatti, ben il 40% della navigazione durante l’orario di lavoro non ha finalità lavorative, il 72% della navigazione in “siti per adulti” è effettuata nelle giornate lavorative e lo spreco di banda dedicata alle aziende è del 70%.
Per risolvere queste problematiche diventa, quindi, necessario dotarsi di un filtro contenuti che consenta di gestire il controllo degli accessi ai siti web.
NethSecurity mette a disposizione un interessante Filtro Contenuti Cloud, integrato con un database costantemente aggiornato con oltre 50 categorie disponibili. Tra le importanti novità introdotte ci sono la possibilità di geolocalizzare il traffico e, quindi, bloccare il traffico dai paesi a rischio infezioni e pirati informatici, ma soprattutto l’introduzione di blacklist su categorie di siti malevoli da cui vengono divulgati malware, tra cui i famigerati ransomware come Cryptolocker.
filtro malware

Filtro malware (attivo da oggi, 1° Giugno 2016)

geolocalizzazione traffico internet

Geolocalizzazione traffico internet

siti bloccati

Siti bloccati

siti consentiti

Siti consentiti

Roadshow Nethesis Share2Grow: Palermo e Catania

Il nuovo sistema di comunicazione intelligente
Dalla Unified Communication alla Smart Communication

Grande successo per le tappe siciliane del tour Share2Grow di Nethesis che ha visto oltre cento partecipanti nelle date del 12 e 13 Maggio.
Splendida cornice degli eventi sono stati il Mondello Palace Hotel dell’omonima cittadina ed il Romano Palace Luxury Hotel di Catania.
Il tour, che ha visto protagonisti alcuni tra i distributori e produttori leader del mercato della telecomunicazione, come Sintel, Sangoma, Snom, VoipVoice, Plantronics e Nethesis, si è rivelato un’importante occasione di incontro tra aziende e di conoscenza di nuove opportunità di mercato.

Tappa di Modello

Tema dell’evento è stato il futuro delle tecnologie dell’informazione: dalla comunicazione unificata alla collaborazione; sono stati fatti, inoltre, approfondimenti su altre soluzioni sistemistiche, come sicurezza e monitoraggio delle reti.

Tappa di Catania

A conclusione delle sessioni del mattino abbiamo avuto l’occasione di pranzare insieme e regalare anche alcuni premi ai più fortunati.

Premiazione

Lezione di Open Source

A lezione di open source

Linux, Open Source e NethServer sono solo alcuni dei temi affrontati da Nethesis in occasione della lezione tenutasi di recente all’ Itis di Urbino.
130 studenti hanno potuto confrontarsi con Alessio, specialista di supporto e project manager, Edoardo, sviluppatore web e mobile, e Giovanni, software engineer & SM.
“Fare della propria passione un lavoro” è il messaggio che i tre professionisti hanno voluto lanciare, condividendo il loro percorso professionale con gli studenti presenti.

nethesis_itis-2016

Nethesis all’ Itis di Urbino per una lezione sull’ Open Source

Qualche numero…

Qual è il principale utilizzo della rete da parte dei ragazzi? Da una ricerca di Ipsos, svolta nel 2015 per Save the Children, emerge che il 75% utilizza Facebook, il 59 % WhatsApp ed il 36% Instagram. Secondo il Direttore Generale di Save the Children Italia, Valerio Neri, “è fondamentale garantire ai nostri adolescenti il diritto all’accesso, alla formazione e alla sicurezza di queste tecnologie e le istituzioni – la scuola in primis – le famiglie e le aziende ICT devono essere più consapevoli di questa responsabilità”. Se da un lato la rete nasconde diversi rischi, dall’ altro offre innumerevoli opportunità.

Educare gli studenti – i nativi digitali – ad un utilizzo responsabile ed alternativo degli strumenti tecnologici, che sia altro dall’effimero “post & chat” è la sfida raccolta da Nethesis e dall’itis di Urbino.
Pensiamo che sia fondamentale dar spazio alla cultura informatica per incentivare l’utilizzo, non più passivo ma consapevole, dei servizi e delle tecnologie digitali.

“We grow when we share”

L’open source, termine che indica il “codice sorgente aperto”, non è solo codice appunto, ma in definitiva è una cultura improntata alla collaborazione ed alla condivisione, alla trasparenza ed ai principi di meritocrazia.
Il movimento open source è nato con l’obiettivo di dare a chiunque la possibilità di utilizzare, studiare, modificare ed integrare il codice dei programmi per poi ridistribuirne liberamente il risultato.
La programmazione assurge paradossalmente ad una “forma d’arte”, e come tale offre al programmatore una sorta di appagamento artistico, simile a quello che la musica regala ad un compositore o il dipinto al pittore che l’ ha creato.
Tra i migliori progetti open source “Made in Italy” troviamo Nethserver, un sistema operativo per server, facile da usare, modulare e versatile, con più di trentamila download in oltre 150 Paesi.

Perchè farne parte ?

Giovanni, Alessio ed Edoardo, membri attivi della community di Nethserver, consigliano di partecipare ad un progetto Open Source:
– é un’ottima occasione per imparare dai “più grandi”;
– sono “basse le barriere all’ ingresso”: è possibile infatti accedere al codice per apportare anche semplici modifiche;
– è un’ottima opportunità per mostrare il proprio lavoro;
– è facile ricevere feedback;
– è facile attrarre e confrontarsi coi migliori talenti da ogni parte del mondo
Tanti altri i benefici, quali per esempio avere a disposizione un software, non presente sul mercato, ma che svolga un compito specifico;
coltivare la programmazione come un hobby ma farsi comunque una reputazione, mettere le proprie conoscenze e competenze a disposizione di tutta la community ed infine, il  cd. “learning by doing” che si concretizza nella possibilità di apprendere “leggendo il codice”.

Proprio dalla scena open source è nata Nethesis, azienda che ha l’obiettivo di semplificare e standardizzare i progetti open source più complessi, per creare prodotti che siano alla portata di tutti.

Per maggiori informazioni contattaci a info@nethesis.it

Road Show Nethesis: Share2Grow (Palermo e Catania)

share2grow_sicilia

share2grow_sicilia

Il nuovo sistema di comunicazione intelligente
Dalla Unified Communication alla Smart Communication
Continua lo “Share2grow Tour” di Nethesis. Dopo il grande successo che ha visto partecipi oltre 350 aziende nel mondo IT nelle tappe di Bari, Napoli, Roma, Torino, Milano e Padova, è arrivato il momento di sbarcare in Sicilia.

Oggi la comunicazione assume un’ importanza fondamentale per essere in linea con la rapida evoluzione dei mercati. Per questo, produttori Leader di mercato rispondono sinergicamente all’esigenza di Unified Communication & Collaboration, offrendo soluzioni in grado di gestire efficacemente tutti i canali di comunicazione utili nell’ambiente di lavoro.

Il tour, che vedrà protagonisti alcuni tra i produttori leader del mercato della comunicazione, come Sagoma, Snom, VoipVoice, Plantronics e Nethesis, sarà l’occasione imperdibile per incontrarci e condividere le esperienze reciproche.

Quando ?
Due sono le date in programma:
12 maggio presso il Mondello Palace Hotel di Palermo e
13 maggio presso il Romano Palace Luxury Hotel di Catania.

La partecipazione è gratuita, previa registrazione:
Palermo | 12 Maggio
http://roadshow-nethesis-palermo.eventbrite.com/?aff=invitoNETHESIS
Catania | 13 Maggio
http://roadshow-nethesis-catania.eventbrite.com/?aff=invitoNETHESIS

Al termine dell’evento verranno estratti premi per i partecipanti.

Road Show Nethesis: Share2Grow (Padova, Milano, Torino)

Condividere per crescere… Insieme !

Sulla scia della straordinaria esperienza dello scorso Partner Meeting, abbiamo deciso di percorrere l’Italia per incontrarvi e condividere le reciproche esperienze.  Scambiarsi informazioni e know-how, ascoltare le richieste per cogliere nuovi spunti e migliorare ed infine stringersi la mano per conoscersi di persona, sono occasioni impagabili e momenti di arricchimento reciproco mai sprecati…

road_show_3

Alcuni momenti del Road show 2016 (Padova, Milano, Torino)

Soluzioni tecnologiche ma soprattutto persone.

Dietro l’esigenza pratica di un’azienda che ha bisogno di migliorare la #sicurezza della propria rete oppure alla base della necessità di #comunicazione unificata e condivisa che porta il cliente a dotarsi di un #centralino telefonico ip, dietro ogni scelta insomma, c’è prima un individuo o un gruppo di persone che desidera migliorare il proprio lavoro, l’esperienza quotidiana in azienda ed il rapporto con gli altri, grazie certamente agli strumenti tecnologici che sono comunque e sempre un mezzo per percorrere una strada…

road_show_2

Leader del mercato di riferimento

Visione e condivisione

“On the road” per incontrare ciascuno di voi dunque e raccontare ad ognuno la nostra visione delle tecnologie informatiche ed il nostro percorso basato su rapporto costante con i partners. E sono con noi i grandi nomi dei rispettivi segmenti di riferimento, che oltre a raccontare le proprie esperienze ed i nuovi prodotti, rispondono a domande e curiosità della platea, per raccogliere feedback e proposte.

road_show_1

Sold-out alle presentazioni

Come sempre, un grande piacere…

“Ogni occasione di confronto con l’altro non va mai sprecata”

Siccome a questo crediamo profondamente, abbiamo deciso di venirvi a trovare nei luoghi in cui operate ed in cui coltivate i rapporti coi vostri clienti, per darvi modo di conoscerci meglio, più da vicino, per scoprire come si può crescere insieme, sempre di più.